16 dicembre 2013

New talents interview: TWINS by Begović & Štimac


 
I almost had to learn croatian. Yes, because is so difficult to find materials about these young designers in another language that isn't their. I met Damir Begovic on Facebook because he is fan of my page, the Fashionismyway one. He is one of the most important fans, not because some fans are better than others, but because he's one of the few one that always likes my posts. Then I found that he's a designer and from this I started to be his fan (not only on Facebook). He has a label with his friend Stimac and this year they won in the category of best young fashion designers at the ELLE STYLE AWARDS of their country, Croatia. This is not an award for everybody, in fact they have a lot of talent. It's not easy to be rewarded when you're too young into the big world of fashion. The brand is called TWINS by Begović & Štimac. They are a duo: Damir Begovic and Domagoj Stimac. An eclectic duo. Begović says "We met in Osijek where we went in the same high school. School for textile, design and applied arts." they worked together at some school project then "we started (with the line) this year in April when we presented our first collection inspired by Afrika on Schwarzkopf Cro a Porteru". So, obviously they're not really TWINS "we named our brand twins because we are almost same looking...but on the other side different". They are so young that they still have no a idea of the style of their works, "Stimac and I both have 22 years. And beacuse of that we are explorers, we like to experiment with untypical materilas for clothing. We are eclectic. Twins woman is elegant and feminine and she is not afraid of new things and strange couture pieces of clothing." Experimentation is the key. But, an awards is already on their wall "The nomination at Elle Style Awards was suprise and we didn't expect to won because we appeared this year on croatian fashion scene and we represent only one collection. But we were very happy and proud of ourselves and our work, design and all time spend on sewing machine!". At the question “what's your favorite designer?” they say that they love John Galliano and Alexander McQueen but they dream an internship at Dolce and Gabbana. In fact, what's better than learn to work together with one of the most cool duo of fashion? 
I already said that they're just at the beginnings of their fashion travel, but Begovic's ideas about last collection were really clear “First collection was inspired by Africa. African tribes, people, smells, customs and colors. We used different materilas to show how we understend Africa. We used beer caps and then we straightened them and color them in white or black. After that we saw them on clothes like jackets or skirts, pants. The second collection was inspired by Mark Twain's story "The prince and the pauper". We wanted to presend clothes inspired by rich and poor people. We started with poor ones. We used darker colors like brown and green and carpets which were used like wall decorations by our grandmothers. In second part we had like midle class mix of poor and rich people. We use jute and gold details. In last rich part we used rich ad big wall carpet for coats and clocks. The have like print of deers and peacocks!". Their woman is classy with a big personality. I loved the idea of feathers on the head of the models in contrast with very chic silk or chiffon shirt. They gives an interesting touch to everything. In fact I've to say that the details makes the difference. Often, in fashion, we misused words like "sophisticated" and "glamour", but now, in this case, I've to say that they're the perfect words for TWINS by Begović & Štimac collections. I loved this brand from the first "click" on the FB page and I wish them luck. Milan is waiting for them.






 You can find them here on Facebook

Yours Cristina L

18 novembre 2013

Jessica Chanstain diventa un'opera d'arte su Vogue di Dicembre. By Annie Leibovitz e Grace Coddington.


Per la December Issue dell'edizione americana di Vogue, Annie Leibovitz e Grace Coddington si cimentano in un altro appassionante servizio fotografico: Jessica Chastain diventa un'opera d'arte. L'attrice candidata all'Oscar presta il suo volto, la sua pelle diafana e i suoi capelli rosso fuoco ad un servizio che riprende ben otto opere d'arte e le reinterpreta in chiave Vogue. Partendo dalla copertina, l'attrice indossa un abito giallo Theory by Theyskens, foto che nelle movenze somiglia all'opera del 1895 di Frederic Leighton, Flaming June.


La pagina di apertura dell'articolo vede la Chastain distesa su un divano mentre indossa un
abito di Marc Jacobs. Di nuovo, nelle movenze, la foto ricorda il dipinto di Henri Matisse "Odalisca con culotte 
rossa".



















Il tocco magico di Grace Coddington trasforma la giovane Jessica in una matrona vestita di blu (in Alexander Wang per la precisione), reinterpretazione del dipinto del 1924 di Felix Valloton, Le Retour de la Mer. La naturalezza e i contrasti tra la pelle diafana, gli occhi verdi, i capelli rossi ed il blu ceruleo rendono la fotografia persino più ricca di aura dell'opera stessa.






La bellezza autorevole del soggetto dipinto da Anders Zorn Frances Folsom Cleaveland, si addolcisce con l'interpretazione della Chastain in un abito grigio di Oscar de la Renta.




In questa foto l'attrice diventa la musa ispiratrice di Klimt, Ria Munk. Il dipinto del 1918 è reinterpreato dando vita ai fiori e al giardino che circondano la musa dell'artista. L'abito è di Vera Wang




La mia preferita è la foto in cui Annie Leibovitz, attraverso un gioco di colori e luci, interpreta un'opera di Van Gogh. Ne "La Mousmé" dipinta nel 1888, la madame ha tra le mani un fiore di oleandro, per Van Gogh simbolo dell'amore. Con lo scatto, i colori vivi riescono ad eguagliare le famose pennellate tormentate del pittore olandese. L'abito è di Alexander McQueen.




Da una delle opere meno famose di Magritte è ispirato questo scatto, dove la Chanstain sfoggia i suoi capelli rossi su uno sfondo blu. Ma questa volta, oltre a photoshop, ci sono anche le extension. La tela originale, Le robe du Soir, è stata dipinta nel 1955. 


























L'ultimo scatto è ispirato alle fotografie di Julia Margaret Cameron. Fotografa inglese morta nel 1879, è stata esponente del pittorialismo, quel movimento nato per elevare la fotografia ai livelli della pittura e della scultura. Annie Leibovitz scatta un primo piano in B/N dell'attrice, fornendone un ritratto che risalta la perfezione della semplicità.





Yours Cristina L 



4 novembre 2013

A new (old) face for Chanel No5: Marilyn Monroe



"You know, they ask me questions. Just an example: ‘What do you wear to bed ? A pajama top? The bottoms of the pajamas? A nightgown?’ So I said, ‘Chanel No. 5,’ because it’s the truth… And yet, I don’t want to say ‘nude.’ But it’s the truth!"

La celebre frase di Marilyn Monroe diventa lo spunto per il nuovo spot di Chanel No 5. Il throwback arriva anche in casa, pardon maison, Chanel. Non c'è niente di meglio che rispolverare l'anima più profonda e la tradizione di un brand. E Chanel No 5 è un brand, un nome quasi più importante di Chanel stesso. Prima solo Madmoiselle Coco. Il profumo Chanel N°5 è molto più di un profumo, era ed è il profumo di Marilyn. Allora è del tutto inutile il Brad Pitt di turno, il volto della campagna non può essere che una bellissima e viva nei fotogrammi, Marilyn Monroe. L'audio dello spot è di un'intervista all'attrice negli anni '60, quando rivelò all'editor di Marie Claire George Belmont di indossare solo Chanel N°5 a letto. Sia il video che le immagini della campagna sono in Bianco e Nero ma, mentre lo spot è già pronto, non sappiamo ancora quale sarà l'immagine ufficiale della campagna. 


Il video della campagna


The famous words of Marilyn Monroe becomes the starting point for the new commercial for Chanel No 5. The Throwback arrives at Chanel's too. There is nothing better than to dust off the deep soul and tradition of a brand. And Chanel No 5 is a brand, a name almost more important than Chanel itself. First just Mademoiselle Coco. The perfume Chanel No. 5 is much more than a perfume, and it was the scent of Marilyn. Then it is completely useless Brad Pitt in office, the face of the campaign can only be a beautiful and alive in the frames, Marilyn Monroe. The sound of the spot is an interview with the actress in the '60s, when he revealed the editor of Marie Claire George Belmont only wear Chanel No. 5 to bed. The commercial and the image of the ADV are both in Black and White but, we already can see the commercial, we still don't know what will be the official image of the ADV. 




Yours Cristina L

19 ottobre 2013

THE COAT: mannish and oversize. FW 2013


Tempo fa frugavo tra le foto della nonna e ho trovato un'immagine splendida di lei che indossava un cappotto enorme bellissimo, oversize lo definiremmo noi. Sorrideva e le ho detto "è bellissimo, ha un tocco maschile che va molto di moda anche oggi". Il tocco maschile però non era la moda "era il cappotto del nonno, non avevamo i soldi per comprarne due!".  Mannish e oversize sono due parole chiave del cappotto di questo inverno, ma c'entrano poco la necessità di rubare il cappotto dall'armadio di vostro marito perchè non ne avete uno o il pensiero Warholiano "Think Rich, Look Poor". Non è una novità di quest'inverno, ma di quello scorso. Il cappotto oversize si è inserito pian piano surclassando il gusto per i cappottini più attillati che mettono in risalto la silhouette. La mia amica ne indossava uno di tweed rosa, abbinato a delle semplici All Star "sembro una gattara" mi dice. Ma il risultato è affascinante. Quelli più d'impatto sono quelli di Stella McCartney e Rochas, più sporty quelli di Tibi, Carven e Junya Watanabe. Esagerare è il leitmotiv, ma anche il comfort. Il comfort di sentirsi protetti ed avvolti in qualcosa che nasconde cosa c'è sotto. L'effetto scenico è assicurato, quello del wearable un po' di meno. Vi ci vedete a prendere la metropolitana?
Stella McCartney
Chalayan, wool-blend coat, 1370€

Rick Owens
Time ago I was rummage through the photos of my grandmother and I found a picture of her wearing a beautiful beautiful huge coat, oversize we'd say. She smiled and I said, "it's beautiful, has a masculine touch that is very fashionable today." The masculine touch , however, was not the fashion "was the coat of grandfather, we did not have the money to buy two ." Oversized and Mannish are two keywords coat this winter, but have little need to steal the coat closet of your husband because you don't have one or the thought Warholian "Think Rich,Look Poor" . This is nothing new for this winter , but of the last one. The oversized coat was added slowly outperforming a taste for the more tight-fitting coats that emphasize the silhouette. A friend of mine was wearing a pink tweed , combined with the simple All Star " I look like a cat lady ," she says. But the result is fascinating. The most impact are those of Stella McCartney and Rochas , more sporty ones Tibi , Carven and Junya Watanabe . Exaggerating is the leitmotiv , but also the comfort. The comfort to feel protected and wrapped in something that hides what lies beneath . The scenic effect is assured, that of wearable a little less. It it possible to sit in the subway with this?
Rochas



Rochas, oversize wool-blend coat, 1245€

Tibi, Carven, Junya Watanabe
Tibi coat, 909€

2 ottobre 2013

Marc Jacobs leaves Louis Vuitton



CHIUSO PER LUTTO. Marc Jacobs lascia Louis Vuitton. Notizia assolutamente inaspettata, o quasi. Vuole dedicarsi al suo impero, pare. L'annuncio lo da Robert Duffy, braccio destro di Jacobs. La creatività dello stilista americano si focalizzerà sulla sua linea e sul suo piccolo impero Marc Jacobs che vale quasi un miliardo. Da Louis Vuitton mandano il francese Ghesquière, pare. La palla dunque passa di nuovo ai francesi. Dopo sedici anni di spettacolarità tutta americana forse la maison francese sente il bisogno di tornare all'essenza. 
Senza Marc Jacobs Louis Vuitton non sarebbe quello che è oggi. Brand importantissimo, il marchio per eccellenza della moda e della pelletteria francese, con l'americano Marc diventa anche un sinonimo di ready-to-wear. E non solo, Jacobs trasforma Vuitton in un fenomeno pop, colorato, lontano ma legato ad un filo di continuità con il marchio di pelletteria e valigeria che è sempre stato. Le collaborazioni con gli artisti ne sono una prova. E così la famosa speedy di Louis Vuitton conosce altre mille sfaccettature. I graffiti rosa, le pailettes, le foglie autunnali. Proprio come Marcel Duchamp disegnava i baffi alla Monna Lisa, Marc Jacobs ha preso una leggenda e l'ha fatta diventare più pop che mai. E in contemporanea è sbocciato anche lui. Da ragazzo timido con i capelli lunghi e occhiali enormi, a sex simbol. 
La sua ultima collezione per LV è una citazione alla spettacolarità di questi sedici anni. La scala mobile, il carosello, la fontana, l'orologio. Ma è un enorme funerale. Tutto è nero. Il blu dei jeans è l'unico colore che salta fuori. I jeans, quel capo simbolo del mix and match che ha sancito la fine della moda come la conoscevamo. Simbolo del mix and match tutto americano. Luxury e lowcost, luxury e casual che si incontrano. Tutto è nero, proprio com'era iniziata sedici anni fa nella sua prima collezione per la maison francese: tutto scuro e niente accessori. Come a dire: Louis Vuitton non è solo borse. 
Marc Jacobs si gode gli applausi. 
Cos'ha in serbo il futuro della maison e dello stilista non lo sappiamo. Se questa sia stata una scelta azzeccata o sbagliata non lo sappiamo. Sappiamo solo che un'era si è chiusa. 

CLOSED FOR MOURNING . Marc Jacobs is leaving Louis Vuitton . Totally unexpected news , or almost. He wants to devote himself to his empire, it seems. The creativity of the American designer will focus on his line and his little empire Marc Jacobs. From Louis Vuitton sent the French Ghesquière , it seems. The ball then goes back to the French. After sixteen years of an  all-American spectacular, maybe the French fashion house feels the need to go back to the essence.
Without Marc Jacobs Louis Vuitton would not be what it is today. Important brand, for French fashion is the maison par excellence, with the American Marc also becomes a synonym for ready- to-wear . And not only that, Jacobs transforms Vuitton into a pop phenomenon, colorful, distant but linked by a thread of continuity with the luggage and leather goods brand that has always been. The collaborations with artists are proof of this. And so the famous Louis Vuitton speedy knows a thousand facets. Graffiti rose, the sequins, the leaves of autumn. Just as Marcel Duchamp drew a mustache on the Mona Lisa, Marc Jacobs took a legend and turned it into more pop than ever. And at the same time he has blossomed. From shy guy with long hair and huge glasses tosex symbol .
Her latest collection for LV is a quote from the spectacular of these sixteen years. The escalator, the carousel, the fountain, the clock. But it is a huge funeral. Everything is black. The blue jeans is the only color that pops out. The jeans, the chief symbol of the mix and match that marked the end of fashion as we knew it. Symbol of mix and match all-American.Where luxury meets casual. Everything is black, just as it was started sixteen years ago in his first collection for the French fashion house: all dark and no accessories. How to say: Louis Vuitton is not just leather bags.
Marc Jacobs enjoys the applause .
We don't know what will be the future of the maison. If this was a good choice or wrong we don't know . We only know that an era has ended .

Yours Cristina L

26 settembre 2013

THE BLING RING di Sofia Coppola. Per me è no.




Non sono mai stata una fan di Sofia Coppola. Dei suoi film ho apprezzato solo Marie Antoinette. Credo vada specificato prima che iniziate a leggere quello che ho da dire su The Bling Ring, perchè il mondo si divide in due sulla figlia di Francis Ford: o la ami o la odi. La mia reazione alla fine, e anche durante, ogni suo film  è sempre "Mbè?". Ma questa volta ero davvero eccitata all'idea di vedere un suo film, il suo film. The Bling Ring parla di una storia che già conoscevo, ragazzini che rubano in casa di celebrità che già conoscevo. Quindi nessuno ha dovuto spiegarmi chi è Audrina Patridge o Rachel Bilson perchè anche io, come i protagonisti del film, sono una serietv-reality show-fashion-riviste ADDICTED. E, essendo in passato una drogata di reality show trash su E!, conoscevo la ladruncola Alexis Neiers, quella che Sofia Coppola chiama Nicki Moore nel suo film. La scelta più azzeccata è stata assegnare il ruolo di Nicki ad Emma Watson. L'attrice inglese è una delle ragioni per guardare questo film, è divina. Alexis Neiers era nel cast del reality show Pretty Wild. Nel 2009 venne fuori che Alexis aveva preso parte ad una serie di furti a Hollywood Hills, insieme ad una banda di ragazzini. L'articolo a cui si ispira la Coppola è "The Suspects wore Louboutins" di Nancy Jo, dove la giornalista racconta l'accaduto e riporta le dichiarazioni della Neiers. La gang ruba più di 3 milioni di dollari in scarpe, vestiti, gioielli, nelle ville di Paris Hilton, Orlando Bloom, Rachel Bilson

La Coppola, dunque, si documenta bene riguardo questo interessante fatto di cronaca e ne da una sua interpretazione. Il punto è che, a mio avviso, è un po' "fuffa". Il tema ricorrente nella filmografia Coppola è la difficoltà dell'essere ricchi e famosi. Non è tutto oro quello che luccica, la vita delle star non è poi così bella come sembra. Essere ricchi e famosi è difficile. Sì Sofia, pensa invece essere poveri e sconosciuti! I ragazzi si introducono, senza nessun problema, nella villa di Paris Hilton. Cercano e trovano l'indirizzo su Google e scoprono su un sito di Gossip che Miss Hilton è a Las Vegas. "Maledetta rete" direte voi. Riescono ad entrare facilmente nella villa perchè quel genio di Paris lascia le chiavi sotto il tappetino (vogliamo parlare del suo portachiavi a forma di Tour Eiffel? Fantasia pura). 
Nel film noterete una villa sui generis. La villa di Paris Hilton è nauseante. Ho sempre provato affetto e curiosità verso Paris e (adesso non vi spiego il perchè, magari in un altro post) anche io mi sarei fatta volentieri un giro in casa sua. Ma in maniera legale ovviamente! La casa che vedrete nel film è la vera dimora di Paris Hilton. Dimora che pulula di foto dell'ereditiera, cuscini con la sua faccia, copertine delle riviste (con la sua faccia ovviamente). Come a dire "la prima fan di me stessa sono io!". E, ovviamente, in quella casa ci sono un numero esagerato di cose. Cose. Perchè non possiamo dire che ci sono solo vestiti. Ci sono tante, troppe cose. "Sepolti in casa" versione Hilton. Certo, un "Sepolti in casa" pieno di borse da 3000 dollari l'una, ma comunque una casa nauseante e preoccupante. Lo sapevate vero che non si era nemmeno accorta che qualcuno fosse entrato in casa sua per rubare vero? Per forza, ha persino doppioni! "Ma perchè ne ha due?" si chiedono le ragazze nel film quando notano che nell'armadio ci due vestiti identici.
La Coppola porta al cinema un gruppo di ragazzini che vanno a ballare, sfrecciano sulle loro macchine cantando "Bad Girls" di M.I.A., vogliono vivere come le star. Sono un po' come noi ed è questo che fa un po' paura. Anche loro vanno nei locali e si sparano le pose, si fanno le foto e le postano su Facebook, adorano le celebrità e vestirsi bene. Poi però c'è di più, c'è di peggio. Vivono una vita all'insegna del divertimento, le parole delle canzoni che cantano (nella colonna sonora - un altro motivo per andare a vedere questo film- ci sono pezzi di Rick Ross, Kanye West, 2 Chains, Azealia Banks) descrivono la loro vita all'insegna di alcol e droga e sarebbero pronti a tutto pur di vivere come le loro celebrità preferite. Pronti a tutto: persino rubare le loro cose. E questo ci fa riflettere: quei ragazzini potremmo essere noi. Ma noi per fortuna di quei reality show e di quel mondo rimaniamo semplicemente spettatori. Ma la Coppola sembra non capirlo, perchè lascia tutto incompleto, parla del tema ma non lo approfondisce, lei è la figlia di Francis Ford Coppola e amica di Paris Hilton, lei è nata con la camicia e con il Rolex al polso, non può esattamente capire cosa spinge un adolescente a rubare in casa di Lindsay Lohan. Non lo capisce e neanche vuole capirlo. Sembra dire "il mondo è allo sfascio" tutto qui. Niente di più, niente di meno. Non tocca neanche il tasto esilarante di tutta la storia. Nei racconti e nelle dichiarazioni del vero Bling Ring c'è molta più ironia, suspance e superficialità. Alexis Neiers, appena dopo l'uscita dell'articolo della Jo, le telefona e piangendo le urla "Nancy, sono Alexis Neiers, volevo dirti che quello che scrivi non è del tutto vero! Hai scritto che indossavo delle Louboutin con il mio outfit tweed, ma indossavo delle kitten heels marroni, FUCKING BITCH!". 


Tutto questo in TV, nel suo reality show. Sofia, come hai fatto a non inserire questa perla nel film? Come puoi aver tagliato fuori la parte divertente di questo teatrino?
Questa pellicola poteva essere un'occasione, occasione che la Coppola ha bellamente sprecato. Qualunque altro regista, o un esperto di documentari, avrebbe fatto di meglio. 
Però, nonostante tutto, andatelo a vedere. Emma Watson nei panni della bad girl, nei panni della "Hustler" come direbbero i rapper, è assolutamente perfetta.


Yours Cristina L