12 febbraio 2012

Is New York Fashion Week boring?

Few months ago, close to the last New York Fashion Week, I read somewhere and it seemed a common opinion that NYFW is a bit boringOr less importantOr less creative than the others. We're surePerhaps one of the first of the endless parades of the eight days of New York Fashion Week, you feel that this is even startedThere are those who ignore the existence of certain designerscollectionssub-collections to collectionsWho opens is typically the youngestleast importantthe emerging. For me NYFW tends to begin after Christian SirianoThe Project Runway winner enjoys a greater reputation to other emerging, thanks to reality shows, but also thanks to the talent. Forget the fairy tale of sportswear. We sees
a little and generally limited to LacosteAlexander Wang, Tommy Hilfigher, Marc by Marc Jacobs of sportwear. The truth is that NY looks like a copy-paste of Milan and paris Fashion Week that we have already seen. But New York does not copy, New York interpret. And in a "wearable" key. This fashion week transform Milan and Paris genius creations in clothing. Dresses as women and as market. In a sportswear key, yes. As the typical US-style, the Mercedes Benz Fashion Week creates and interprets something that must then be sold and worn more than are other dresses of the other fashion weeks. The Prêt-à-Porter is Prêt-à-Porter in Milan, Paris and London too. But have you noticed how Americans dressWhat are buying and how they liveAnd have you noticed the French and the ItaliansThere are no other answersSometimes even to judge or understand a Fashion Week we has to know the culture of a countryWellboredom is another thingat New York Fashion Week there is no boredom.

Un po' di mesi fa, a ridosso dell'ultima New York Fashion Week, ho letto da qualche parte e mi sembrava opinione comune il fatto che quest'ultima sia particolamente noiosa. Oppure poco importante. Oppure meno creativa delle altre. Ne siete sicuri? Forse, tra le prime sfilate degli otto interminabili giorni di settimana della moda newyorkese, vi sembrerà che neanche sia iniziata. C'è chi ignora l'esistenza di certi designer, collezioni, sottocollezioni di collezioni. Chi apre in genere è il più giovane, il meno importante, l'emergente. Per me la NYFW tende ad iniziare dopo Christian Siriano. Il vincitore di Project Runway gode di una fama maggiore agli altri emergenti, grazie al reality show, ma anche grazie al talento. Dimenticatevi della favoletta dello sportwear. Di sportwear a New York se ne vede poco ed in genere limitato a Lacoste, Alexander Wang, Tommy Hilfigher, Marc by Marc Jacobs. La verità è che New York sembra un copia-incolla di Milano e Parigi, di settimane della moda già viste, di geni creativi consumati. Ma New York non copia, New York interpreta. Ed in chiave "wearable". New York trasforma le creazioni ed i geni creativi di Milano e Parigi in capi d'abbigliamento, in vestiti, in abiti più a portata di donna e mercato. In chiave sportwear, sì. 
In perfetto stile U.S.A., la Mercedes Benz Fashion Week crea ed interpreta qualcosa che poi dovrà essere venduta ed indossata più di quanto non lo siano gli altri abiti delle altre settimane della moda. Il Prêt-à-Porter è Prêt-à-Porter anche a Milano, Parigi e Londra. Ma avete notato come si vestono gli Americani? A che se magnano gli americani?  A cosa comprano e come vivono? Ed avete notato i francesi e gli italiani? Non servono altre risposte. Certe volte anche per giudicare o capire una Fashion Week bisogna conoscere la cultura di un paese.  Insomma, la noia è un'altra cosa, alla New York Fashion Week ce n'è davvero poca. 



Yours Cristina L

12 commenti:

Alessandro Masetti ha detto...

Ciao Cri! Me lo ricordo benissimo che sei una fervida sostenitrice della NYFW. Penso tu dica bene quando parli di reinterpretazione all'americana. Dovrebbero essere solo un po' più autonomi nel pensiero, ma se sono così, di sicuro non possono essere cambiati a piacimento nostro "europeo", perciò godiamoci lo spettacolo che ci rimangono ancora un po' di giorni. Dopo Parigi ne riparleremo!!! ;)

xoxo
Alessandro - http://www.thefashioncommentator.blogspot.com

Lollo B. ha detto...

I colbacchi della Zoe tutta la vita, sei d'accordo con me?

bacino
Lollo

Mary ha detto...

NYFW makes it wearable!

Daria ha detto...

For me it's right the opposite. I think NYFW is one of the most interesting ones, and it alway opens a season of fashion weeks and....uh, I love NYFW. Also I love the designers that are participating there :) For me Milan and Paris are somewhat traditional, classy, but - not so original.

xxx
Daria, the Fashionsurfer

LINDA ha detto...

Cute post!


Linda from www.moonon.com

Heather ha detto...

pffft boring? That's a bit harsh ;-)

CHRISTINA KEY. ha detto...

I love the looks on collage No. 2!
Amazing! *-*

Oh sorry dear. x) Well, I'm your latest follower now!


XX

TheDollsFactory.com ha detto...

Penso che l'hai detto nel modo giusto...anche se i marchi a New York sono più 'wearable' non vogliamo dimenticare che nuovi talenti come Alexander Wang, Proenza Schouler etc stanno nascendo grazie al mercato Americano che da spazio ai giovani che voglioni avere il loro brand. Mentre in europa i nuovi talenti li rinchiudiamo nella cantina di qualche Maison a disegnare :-)

Stylish By Nature ha detto...

Thanx for your lovely comment...If you like we can follow each other

Enter Boticca.com giveaway and win $100
♡ StylishByNature.com

Lilli ha detto...

Molto interessante:) Devo ancora vedere per bene tutte le collezioni!:) Baci! xoxo

Lafashionfolie ha detto...

interesting post- I have noticed that season that alot of the NYFW collections have 'wearable' written allover them. Which isn't necessarily a bad thing, but it's great we have creative the contrast in Paris and Milan.

Sophie x

http://lafashionfolie.blogspot.com/

What's Next ha detto...

prabal gurung former ss12 collection was better in my opinion, buy christian siriano always makes something that i can like - like a lot!