29 aprile 2010

Quando Zara cade nel fake

Zara, nel perfetto spirito dei grandi brand low-coast, ultimamente posti al centro dello shopping mondiale e dell'abbigliamento, si è sempre ispirato più o meno alle tendenze e alle collezioni correnti e viste in passerella, ma per la collezione P-E 2010 pare essersi spinta un pò troppo oltre, riprendendo, a volte in maniera fin troppo palese, modelli, colori e forme direttamente dalle sfilate di molti stilisti.
Quest'anno si ispira alle collezioni Celine per abitini in stile coloniale dai toni naturali e da D&G per camicie in denim e bustier in stampa floreale.




Ma il pezzo che più ha fatto discutere è stato il minidress in toni blu con stampa a gattini, palesemente ispirato alla recentissima collezione miu miu, largamente apprezzata da fashion bloggers e dal sottoscritto. Che stavolta Zara abbia vagamente esagerato? Più che altro, avrei paura che sia andasse a sfociare verso il fake, indossando abiti del genere.


Yours, Morphine Jude.

fonts: Trendencias

25 aprile 2010

Austria. Style? I don't really think so...

La gita scolastica, la mia gita scolastica. I miei disastri di stile. In Austria dovrebbe far freddo, sembra anche ovvio. E sembra anche ovvio portarsi felpa, ombrello e stivali. Fatto, portati! Ma in Austria c'era un tempo troppo trabballante. Quando ero vestita pesante c'era caldo...quando ero vestita leggera c'era freddo!IL DISASTRO. Il primo giorno a Klagenfurt c'era caldo ed io mi ero messa gli stivali, il maglioncino a righe ed una giacca pesante. Cosa ho fatto??Al primo centro commerciale ho comprato una giacca di jeans carinissima che cercavo da un pò ma che non avevo trovato in italia. Confesso di aver avuto difficoltà ad abbinarla. Era corta e non avevo esattamente gli abiti adatti, è andata a finire che indossavo sempre le stesse cose. Avevo portato poco e sbagliato. Chi me lo diceva che c'erano 20 gradi?E che il giorno dopo ce ne sarebbero stati 5? Ho fatto tanto shopping, forse troppo, ma sapevo che mi sarei pentita se non avessi comprato la T-Shirt con su scritto "WHO THAT FUCK IS PRADA?" (che posterò a breve). L'ho vista in un negozietto molto carino e me ne sono innamorata. L'austria è piena di negozi ma la gente sembra molto lontana dall'essere alla moda o con un briciolo di stile. Giuro avrò visto tre persone vestite bene ed un mucchio che dovevano ringraziare le catene LowCost. Ho visto una signora sui 50 con una Prada e vi giuro l'ho inseguita. Non era di certo Austriaca, non poteva esserlo! Addirittura il secondo giorno indossavo la tuta...DISASTRO!
A Salisburgo stavo morendo di freddo, ho risolto entrando da H&M e comprando un maglioncino di Hello Kitty. Non stava esattamente bene con quello che indossavo, ma avevo davvero molto freddo. Non ho nemmeno potuto fare a meno di comprarmi uno Swatch rosa (di cui Jude aveva già parlato in un post!). Che dire?Le foto (orrende) e i look non sono un granchè...ma gli acquisti e la gita sono stati fantastici!


Ed infine, ovviamente ho comprato VOGUE DEUTCH ...L'immancabile pic con Vogue, guardate che faccia!! :P

Yours Christine Lilwood
Le Foto sono state fatte con la mia fotocamera....e si vede!!

21 aprile 2010

Tributo ad un genio.

Apro una piccola parentesi prima del post, chiedendo assolutamente perdono per la mia recente (e lunga) assenza dal blog. Tante e troppe le cose da fare, tante le cose cambiate anche nel blog (ovviamente in meglio). Ma da ora prometto solennemente di impegnarmi al massimo. Un grazie speciale alla mia socia, instancabile postatrice. Grazie a tutti.

***

Ed ora veniamo alla notizia. Alcune morti si fanno sentire, quelle dei geni come McQueen (giuro sto ancora piangendo) si fanno ricordare in eterno. Per celebrerla ovviamente à la vogue è arrivato il libro-tributo ad Alexander McQueen.

Il titolo "Genius of a Generation" rispecchia fortemente quello che lo stilista è stato per le passerelle degli ultimi anni: un innovatore, un pensatore all'avanguardia, dedito e proteso verso lo sconvolgimento della solita moda e avverso alle classificazioni normali. Creatore di vere e proprie scenografie in cui abiti e modelle andavano a fare parte della sfilata come spettacolo, attrazione.
Insomma questo libro, raccontando la storia dell'eclettico stilista, si prepone come una guida, un'ispirazione per un'intera nuova generazione di stilisti.

Yours, Morphine Jude.

Fonti: verycool.com

8 aprile 2010

Obsession: Prada Accessories



Plastica! Plastica, come dieci anni fa!PRADA.

Plexiglass , gli accessori trasparenti, cristalli. Ero in città per un giro ed ad un certo punto vedo questa borsa..."Oh mio Dio!" ho detto. Mia madre non ha tardato a replicare (con tono acido) "Queste le facevano anche dieci anni fa!", stavo per urlarle "Lo so! Non sono mica ignorante!" quando lei "Devi per forza metterci dentro un altro borsello nero, o la gente vedrà tutto quello che hai nella borsa!". Vi informo che io sarei in grado di comprarla e non metterci dentro nulla. Si perchè la moda non è fatta per quelli che cercano l'utile in tutto, è per quelli che cercano di essere originali, artisti e fantasiosi, anche se non possiamo permetterci una Prada da 500 euro, di plastica per altro.
Plastic! Plastic, as ten years ago! PRADA.
Plexiglass, trasparent accessories, crystals.
I was hanging out in the city when i saw this bag and i was like "Oh my God!". My mom was quick to reply "These are made ten years ago too!!" (acid) I was like "I Know!I'm not stupid!" when she says "Must necessarily be put inside another black purse so as not to see everything you have in your bag!". I want inform everybody that i would be able to buy and put into anything! It is because fashion is not for those who seek profit in any accessories or shoes or shirt, it's for those who wants to be original, artists and creative! Always. Although we can not afford a PRADA (for 500 euro)(in plastic!).
La variante verde di queste scarpe è sicuramente uno dei miei pezzi preferiti della PE 2010 firmata Prada!


Yours Christine Lilwood


image by: style.it


Happy Birthday Marc!

Marc Jacobs, New York 9 April 1963. + 47! HAPPY BIRTHDAY!

3 aprile 2010

Street Style: Cathy Leopard Sweater


I really want show you this.
Now you all know my passion for leopard things, but not all leopard things!!Sometimes it can become very very ugly!
The sweater worn by my best friend is one of my favorite pieces. It's very simple and also original. She choose to wear this with black top and leggings, i would have dared more...you all know...i'm crazy! She bought it from "Pull and Bear", a chain of stores of the same group of Zara. Soo...J'ADORE!!
Voglio davvero farvi vedere questa.
Adesso tutti conoscete il mio amore per il leopardato, ma non tutte le cose leopardate, è ovvio!! A volte può diventare davvero davvero brutto!
Il maglioncino indossato dalla mia migliore amica è uno dei miei pezzi preferiti. E' molto semplice ma allo stesso tempo originale. Lei ha scelto di indossarla su un semplice top nero e dei leggings, i avrei osato di più...lo sapete, sono matta!
Ha comprato il maglioncino da "Pull and Bear", una catena di negozi dello stesso gruppo di Zara.
Infine...La adoro!
Yours Christine Lilwwod
image by me. It's unnecessary to repeat twhat you already know...i'm not a good photographer!

Street Style: Accessories

Image by me.
In the Pics: Me with my Prada's
Micaela and her Kathy van Zeeland bag
Yours Christine Lilwood