15 luglio 2010

Aura Conte, Strawberry Fields.


Circa un anno dopo l'uscita del suo Purpureo Re-Birth, Aura Conte ci rivela di essere cambiata molto. Avevamo parlato di lei, della sua vita, del suo libro e di cosa c'era nel suo armadio. Oggi ci racconta del suo libro nato quasi per sbaglio "Strawberry Fields" (uscito il 10 giugno) e di nuovi e vecchi impegni...
Christine Lilwood: A circa un anno di distanza dal tuo "Purpureo Re-Birth" è uscito il tuo nuovo lavoro "Strawberry Fields" dicci, ci sono affinità con Purpureo?
Aura Conte: Dall'uscita di Purpureo Re-Birth sono successe talmente tante di quelle cose che era impossibile non esserne influenzata nella stesura della storia che, non doveva essere scritta. Infatti Strawberry Fields è arrivato dal nulla, in una semplice sera di questo inverno, di luoghi , pensieri e necessità di distrazioni da tutto ciò che mi stava preoccupando in quelle ore. Ci sono dei riferimenti interni alla saga di Purpureo, da cui, per me, è impossibile distaccarmi...e qualche spoiler subliminale!
C.L: Il tuo genere è il fantasy, ma hai in progetto anche qualcosa di diverso?
A.C: Si, assolutamente sì, vorrei spaziare ed in questo momento ho scritto vari appunti e dialoghi di storie che vanno dalla commedia, allo sci-fi, all'archeologia, al parapsicologico ma, dovendo andare avanti con la saga di Purpureo, non posso dedicarmi a qualcosa che richiederebbe delle ricerche più profonde del semplice google. Specialmente due testi che ho in cantiere ambientati nei primi del '900 con molti riferimenti storici. Non vedo l'ora di ultimare "Il soffio della notte", il secondo capitolo della saga horror sui vampiri di Purpureo che uscirà quest'autunno, così da poter cambiare del tutto genere.
C.L: Leggendo i primi capitoli disponibili online (su Auraconte.com) viene da pensare a questo libro come una fiaba per bambini, hai mai pensato di dedicarti alla letteratura per i più piccoli?
A.C. Da piccola scrivevo racconti e fiabe, e non penso che il mio cervello sia cresciuto così tanto. In realtà, Strawberry Fields, è sia una storia per piccoli che per adulti, adoro Esopo ed i suoi racconti semplici ma con un messaggio preciso al suo interno. Nelle fiabe per bambini molto spesso ci sono più insegnamenti per adulti che per loro. Il libro avrà un seguito, lo si capisce dalla fine di esso, quindi si, vorrei toccare anche quel genere.
La realtà è che la scrittura ti offre la possibilità di aprire il tuo cervello e lasciare che, ciò che io chiamo "Le perdite dal cervello di materia grigia", fluiscano nel modo del tutto naturale senza che lo scrittore se ne accorga. Quindi, con tutto il casino che abbiamo nei nostri cervelli, perchè limitarsi ad un solo genere? Ognuno di essi esprime una parte di noi, quindi scrivere, scrivere, scrivere!
C.L: Tu stessa, nell'introduzione del libro, parli di questa storia come una storia che ti ha cambiato il percorso di vita, in che senso?
A.C: Diciamo che ciò che mi ha influenzato a scriverla mi ha cambiata, che questo inverno io sono cambiata, tutto ha preso un'altra svolta. Ho conosciuto persone che hanno segnato il mio modo di affrontare la vita, sono passata attraverso un percorso o viaggio proprio come i personaggi del libro in eventi sia buoni che cattivi. Per me la vita è una lunga via in cui tu cammini e ti incontri, salti, ridi, piangi ecc. per questo mi ha cambiata. E' stato ammettere che io stessa ero cambiata e pronta ad affrontare, nella scrittura, qualcosa di simile, ma mai ispirato alla mia vita, poichè non metto mai nulla di mio nei miei testi...adoro tenere il mio mondo personale per me, sono molto gelosa.
C.L: Oltre che ai tuoi libri ti occupi anche dei libri altrui...parlaci del tuo progetto "Parole indipendenti".
A.C: Il progetto è nato più improvvisamente di Strawberry Fields, mi ha ispirato Twitter e ciò che, tutt'ora, appare nei miei feed ogni giorno: persone che si occupano di promozione senza essere pagate, altre che si occupano di grafica e nessuno gli da spazio, oppure scrittori che sono capaci di scrivere fanfictions a racconti che nessuno legge. Così mi sono chiesta, come mai tanto talento viene sprecato? Perchè nessuno vede tutto ciò? Ho fondato la casa editrice Edizioni il Pavone, anche se non sono l'editore, la mia vocina è sentita, così ho proposto il progetto di aiutare gli scrittori emergenti in modo del tutto gratuito (senza contributo da parte loro per la pubblicazione) attraverso la realizzazione di Ebooks forniti di editing, isbn ed inseriti nel catalogo editoriale ma incrementando il fattore artistico, dando spazio a chi ama l'arte di realizzare copertine ed illustrazioni anche se non professionisti ed a coloro che sanno muoversi nella promozione, ma retribuiti. Ovviamente il progetto non si limita a questo, infatti superate le 100 copie di vendita ebooks, il libro viene pubblicato in cartaceo, sempre senza contributo. La realtà è creare un prodotto con dietro una squadra in modo più semplice e meno complicato, più le figure lavorano e vendono, più loro guadagneranno, aiutati dal fattore media, ovvero internet.
C.L: Di te si legge anche che sei vicepresidente di un associazione Onlus...
A.C: L'associazione Iside Onlus è nata molti anni fa , è il mio primo lavoro. Sono sempre stata una persona molto attiva nel campo sociale, quando ho potuto però mi hanno sempre attratto le battaglie in cui nessuno ci metteva il dito, se non in modo superficiale o formale. In realtà il settore di cui si occupa è l'arte e la cultura, quindi parliamo di diffusione culturale e sociale di ciò che ci circonda come la violenza sulle donne che è la mia battaglia più grande, diritti umani, animali, l'integrazione culturale e l'arte che seppur sembra qualcosa di "solo bello da vedere" è il miglior mezzo per arrivare al prossimo. Ultimamente mi sono dedicata maggiormente a lavoro e per quanto riguarda il settore associativo ho cercato di sensibilizzare attraverso i mezzi di comunicazione e i social network chi mi seguiva, segnalando campagne gratuite chiamate "Click to donate" che in italia non esistono. Da questo settembre vorrei avviare un nuovo sito che sia attivo riguardo tali campagne gratuite. Spero solo di riuscirci e di tappare il buco italiano a riguardo.


Yours Christine Lilwood

si ringrazia Aura Conte
per maggiori info e per acquistare visita auraconte.com

Nessun commento: