6 settembre 2015

3 reasons why LOOKCAST is great



LOOKCAST is a web application that allows designers to create, share and track the resulting leeds of their digital lookbook. A digital and interactive lookbook, essential to promote your brand and highlight your creations.

Two months ago a recent graduate (not so recent, it's been almost a year now) in "Information, Media and Advertising" (the name of the course says everything there is to know about the passions of the girl), wannabe journalist, not successful blogger since 2009, social networking maniac, fashion magazine addicted, joined the marketing team of Lookcast and a romance began. I'm not one of those people that, "Hey, you do a job you like and you'll never work in your life!". This definitely will tbe true the first two weeks in office, then you will begin to truly work. But the best part is definitely the one where you work, yes, but in a company that you like, that believes in a project in which you believe, who created something that would have created too. During my job interview and the first days in office, falling in love for the web application that lets you create interactive digital lookbook was immediate. LOOKCAST, in a simple and smart way, allowing designers to create their own digital lookbook entering your campaign images and "hiding" inside the products that come to life by clicking on a hotspot. Imagine that you are in front of an advertising campaign. They are usually all glamour and beautiful, expressing the soul and history of the brand. So many times, looking at a campaign, I happen to think "OMG I love this coat" but is unaware of many details. With which fabric is made? Where can I buy it? How much is it? They are just some of the questions I ask to myself. Here, with LOOKCAST, clicking the hotspot of the coatyou can see all the details and the designer can write whatever he wants us to know. In practice we can understand all of the product, but without the allure of the campaign being tainted.

Lookbook page created with Lookcast. I put an hotspot on the dress so when you click on this the dress just come out.

1) So many features
The one that I mentioned above is just one of the features of the application. It's a working tool that allows you to do a lot. A sales and marketing tool that makes it accessible to emerging designers some functionality for large companies. The digital lookbook can be shared anywhere, for example on social networks or on your website. Do you know paper catalogue? It's static and expensive. Of course the digital will never replace the charm of paper, but you discover a brand with an interactive component is certainly interesting. The LOOKCAST digital lookbook is cloud-based, which means that it does not weigh anything, you need just a simple internet connection to be displayed and can be changed continuously with updates directly visible on the lookbook. How is revolutionary an app of its kind for sales agents? How many times an agent carries the catalog of the brand, but the products in the catalog are changed during construction, or are no longer available in stock? With a tool like LOOKCAST the sales agent has on hand a constantly updated catalog and interactive to serve the customer better. My favorite feature is definitely that of monitoring. With LOOKCAST you can create a lookbook and launches a campaign, then you can see exactly how it is going by tracking visits and monitoring what has been the product or the page of the lookbook more views. So can have an instant feedback that a simple photo posted on a social network can't give you.

2) Transversal
LOOKCAST is a transversal tool. It's not directed only to emerging designers, but it's an useful tool
ready for the big companies of the fashion and luxury goods, meets the needs of the sales agent, it is useful to the editors and bloggers to make their content more comprehensive and interactive. In short, it's a revolutionary tool to promote your product and your brand. Cross and accessible thanks to the pricing, calibrated for every need. If you calculate the cost of printing and distributing a paper catalog, nine dollars per month for a lookbook with so many features it's a price more than good. The mission is to help companies of fashion/design and emerging designers to communicate their brand and their work on the web through the lookbook, telling not only products, but also a history, a territory and a way of life and make the digital world useful to small and medium-sized companies through an effective and simple to use tool.

3) Team
LOOKCAST was born in Chicago but has an office in Italy from April. This means that the team is Italian and American, young and also dynamic. The founders come from the design and luxury industries, then know exactly the needs of the industry and emerging become part of the world of fashion and design. Average age: 30 years old. We work in a large open space perfect to circulate our ideas and make Lookcast better day after day. Skype is our best friend (even if it crashes too) and the time zone our worst enemy. It 's nice to discover new ways to collaborate and work remotely and overcome the ocean of distance that exists between Italy and the US, but at least two weeks a month we are all in the same office in Italy to work and have lunch together.

A friend, after the third "try LOOKCAST" asked to me: "Do you take commissions for selling the app as much as possible?". Absolutely not, it is not my job to sell. I love Lookcast. Lookcast is so cool, period.

More info at: www.lookcast.com
Global FB Page: facebook.com/LOOKCASTapp













LOOKCAST è l'applicazione web che permette ai designer di creare, condividere e monitorare i risultati del proprio lookbook digitale. Un lookbook digitale interattivo e unico, indispensabile per promuovere il proprio brand e mettere in risalto le proprie creazioni. 

Due mesi fa una neolaureata (nemmeno tanto neo, ormai è passato quasi un anno) in "Informazione, Media e Pubblicità" (il nome del corso di studi dice tutto quello che c'è da sapere sulle passioni della ragazza), wannabe giornalista, finta blogger dal 2009, maniaca dei social network, fashion magazine addicted, è entrata nel team del marketing di Lookcast e una storia d'amore è iniziata. Non sono una di quelle persone che "Ehi, fai un lavoro che ti piace e non lavorerai mai in vita tua!", questo sicuramente lo penserete le prime due settimane in ufficio, poi inizierete a lavorare veramente. Ma la parte migliore è sicuramente quella in cui lavorate sì, ma in un'azienda che vi piace, che crede in un progetto in cui credete, che ha creato qualcosa che avreste creato anche voi. Durante i colloqui e i primi giorni in ufficio l'innamoramento per l'applicazione web che permette di creare lookbook digitali interattivi è stato immediato. LOOKCAST, in maniera semplice e smart, permette ai designer di creare il proprio lookbook digitale inserendo le proprie immagini di campagna e "nascondendoci" dentro i prodotti che prendono vita cliccando su un hotspot. Immaginate di avere davanti una campagna pubblicitaria. In genere sono tutte glamour e bellissime, esprimono l'anima e la storia del brand. Tantissime volte, guardando una campagna pubblicitaria, mi capita di pensare "Ommioddio adoro questo cappottino" ma sono all'oscuro di tantissime informazioni. Di che tessuto è fatto? Dove posso acquistarlo? Quanto costa? Sono solo alcune delle domande che mi pongo. Ecco, con LOOKCAST, cliccando sull'hotspot del cappottino riesco a vedere tutti i dettagli e il designer può inserire tutto quello che vuole farci sapere. In pratica riusciamo a capire tutto del prodotto, ma senza che l'allure della campagna venga intaccata.

Pagina di lookbook di Lookcast. Nell'immagine, sul vestito, ho inserito un hotspot che permette di vedere i dettagli del prodotto quando ci si clicca sopra
Quella di cui ho parlato sopra è solo una delle caratteristiche dell'applicazione. E' uno strumento di lavoro che permette di fare moltissimo. Un tool di sales&marketing che rende accessibili anche ai designer emergenti, delle funzionalità pronte per le grandi aziende. Il lookbook digitale può essere condiviso ovunque, ad esempio sui social network oppure sul proprio sito web. Presente il catalogo cartaceo? E' statico e costoso. Certo il digitale non sostituirà mai il fascino della carta, ma poter scoprire un marchio in maniera interattiva è certo una componente interessante. Il lookbook digitale di LOOKCAST è cloud-based, ciò vuol dire che non pesa nulla, basta una semplice connessione per essere visualizzato e può essere modificato continuamente con gli aggiornamenti direttamente visibili sul lookbook. Quanto è rivoluzionaria un'app del genere per gli agenti di vendita? Quante volte un agente porta con se il catalogo del marchio, ma i prodotti nel catalogo sono cambiati in corso d'opera oppure non sono più disponibili in stock? Con uno strumento come LOOKCAST l'agente di vendita ha a portata di mano un catalogo sempre aggiornato e interattivo per servire il cliente al meglio. La mia caratteristica preferita è decisamente quella del monitoraggio. Con LOOKCAST crei un lookbook e lanci una campagna, poi puoi vedere esattamente come sta andando tracciando le visite e monitorando qual è stato il prodotto o la pagina del lookbook più vista. Insomma hai un feedback immediato che una semplice foto postata su un social network non può darti. 
2) Trasversalità
LOOKCAST è uno strumento trasversale. Non è rivolto solo ai designer emergenti, ma è un tool utile e pronto anche per le grandi aziende della moda e del lusso, soddisfa le esigenze dei sales agent, è utile agli editor e blogger per rendere i propri contenuti più completi e interattivi. Insomma è uno strumento rivoluzionario per promuovere il proprio prodotto e il proprio brand. Trasversale e accessibile anche grazie al pricing, calibrato per ogni esigenza. Se si calcolano i costi di stampa e distribuzione di un catalogo cartaceo, dodici euro al mese per un lookbook con così tante caratteristiche è un prezzo più che buono. La mission è quella di aiutare aziende di moda/design e designer emergenti a comunicare il proprio brand e i propri lavori sul web tramite il lookbook, raccontando non solo prodotti, ma anche una storia, un territorio e uno stile di vita e rendere il mondo digitale utile alle piccole e medie aziende tramite uno strumento efficace e semplice da usare.


3) Team
LOOKCAST è nata a Chicago ma è ha una sede in Italia da Aprile. Ciò vuol dire che ha un team italiano e americano, giovane e anche dinamico. I founder vengono dal mondo del design e del lusso, quindi conoscono esattamente le esigenze del settore e degli emergenti che entrano a far parte del mondo della moda e del design. Età media: 30 anni. Lavoriamo in un grande open space perfetto per far circolare le nostre idee e rendere Lookcast migliore giorno dopo giorno. Skype è il nostro migliore amico (anche se si blocca troppo) e il fuso orario il nostro peggior nemico. E' bello collaborare e scoprire nuovi modi per lavorare in remoto e superare l'oceano di distanza che c'è tra l'Italia e gli Usa, ma almeno due settimane al mese siamo tutti nello stesso ufficio in Italia a lavorare e pranzare insieme.


Un amico, dopo il terzo "prova LOOKCAST" mi ha chiesto "Ma prendi le provvigioni per vendere l'app il più possibile?". No, assolutamente, non è compito mio vendere. Amo Lookcast per questo vi assillo. Lookcast è fighissima, punto.

Per maggiori info: www.lookcast.com/home-it
Facebook Italia: facebook.com/LOOKCAST.IT


7 luglio 2015

Innocent Couture, Christian Dior Fall 2015



Più che un "copriti che fa freddo" è un "copriti, altrimenti si vede troppo". A colpo d'occhio è quello che si pensa di fronte alla Couture di Raf Simons per Christian Dior. Cappotti affascinanti, morbidi e oversize, maniche e gonne lunghe, talvolta sopra al ginocchio ma senza perdere l'innocenza. Per bene, pura, timida è la ragazza del prossimo autunno inverno in una Couture puritana e semplice. La chicca è il cappotto con una sola manica,per di più di pelliccia, al collo il tweed perchè sì, fa freddo. Simons stavolta si ispira alla pittura fiamminga e ai couturier francesi (ma va?) in un'eterna citazione di se stesso e di Monsieur Dior.

 Keywords: "The Garden of Earthly Delights" by Bosch. Flemish school. Pointillism. Puritanism. Coats. Gothic.


It's a "Let's cover yourself, you can't show too much" more than a "Baby it's cold outside". That's the first impression about this Raf Simons x Dior Couture. Fascinating coats, soft and oversized, long sleeve and skirts, even under the knee but without losing innocence. Good girl, pure, shy...it's this Dior girl for Fall 2015 wearing a simple and puritan Couture. The gem is the only one sleeve coat, the one in fur, then the tweed collar because yes, it's cold outside. Simons get the inspiration from Flemish painting and French couturier in an eternal mention at himself and at Monsieur Dior.

6 luglio 2015

Le dee greche da Atelier Versace, Haute Couture Fall 2015

Dee greche, donne romantiche e guerriere di Game of Thrones. Sono le anime della collezione Atelier Versace, l'Haute Couture di Donatella. "E' una collezione romantica, non sono un pezzo di legno tutto il tempo!" dichiara Donatella Versace che per il prossimo autunno inverno ha messo da parte l'anima sexy e un po' aggressiva della maison per una collezione che alla prima occhiata pare scesa dalla passerella di Alberta Ferretti o Elie Saab. Pare. Pare ma non è decisamente di qualcun altro che non sia Versace: inconfondibili i corsetti, i ricami, l'allure sempre sensuale e combattiva allo stesso tempo. Sulla testa delle top model una ghirlanda di fiori, che ricorda le ragazze ai festival musicali, per non perdere l'aria sbarazzina. Pesca, grigio, lavanda e menta i colori prediletti dalla signorina romantica Versace, senza dimenticare il nero, più famigliare per Donatella. 

Keywords: Seventies. Hippy. Greek Goddesess. Veruska. Game of Thrones. Pastels. Flowers.


Greek goddesses, romantic women and warriors of Game of Thrones. These are the souls of Atelier Versace's collection, the Haute Couture of Donatella. "It's a romantic collection, I'm not a piece of wood all the time!" Donatella Versace says; for the coming autumn and winter has set aside the sexy and a little aggressive soul of the fashion house for a collection that at first glance seems to come down from the catwalk of Alberta Ferretti and Elie Saab. Apparently. But only apparently because it couldn't be that Versace: unmistakable corsets, embroidery, the sensual allure always combative and sensual at the same time. On the head of the supermodel a garland of flowers, reminiscent of girls at music festivals, not to miss the jaunty air. Peach, gray, lavender and mint colors favored by a romantic Ms.Versace, not to mention the black, more familiar to Donatella.


9 aprile 2015

Jean Paul Gaultier: "Troppi vestiti uccidono i vestiti...la moda è cambiata"

"The system doesn't work... There aren't enough people to buy them. We're making clothes that aren't destined to be worn"


Jean Paul Gaultier lascia il pret-à-porter. Niente più ready-to-wear per l'enfant terrible della moda francese. La notizia è nota dall'inizio di quest'anno, ma solo ora in un'intervista al The Associated Press lo stilista spiega il perchè della scelta che lo vedrà lavorare solo sulle linee di couture e profumi. E' quello di un innamoramento che sta per svanire, di un amore in esaurimento il sentimento che Jean Paul Gaultier prova per la fashion industry. "Troppi vestiti uccidono i vestiti...la moda è cambiata! Una proliferazione di vestiti, otto collezioni a stagione, in tutto 16 l'anno. Il sistema non funziona...non ci sono abbastanza persone a comprarli. Facciamo abiti che non sono destinati ad essere indossati!". Gaultier si dedicherà solo all'esclusiva linea Haute Couture che gli permetterà di essere originale e se stesso al 100% dopo ben 38 anni di ready-to-wear donna. E' stanco del marketing non stop, della pressione della domanda da parte dell'industria, di troppe collezioni l'anno, di vestiti che nessuno indosserà. Non è quello che ha causato (in parte) anche lo stress (che tutti ci ricordiamo cosa ha provocato) di John Galliano? Il sistema non funziona più, perlomeno per i creativi di questa industria. Troppo stress, troppi vestiti, troppo di tutto e appunto "Too many clothes kills clothes!", lo stesso senso della moda svanisce. Non c'è più spazio per la creatività se diventa imposta: c'è qualcosa di più imposto di 16 collezioni per anno? Gaultier consiglia a noi comuni mortali, che non possiamo permetterci né la Couture (ovvio) né ahimè il pret-à-porter che "Ci sono marchi che fanno vestiti non costosi molto bene, come Zara, Uniqlo, H&M. Le persone possono vestirsi bene senza spendere molti soldi quindi perchè comprate vestiti costosi?". Che Zara o H&M facciano vestiti "molto bene" non ci metterei la mano sul fuoco, ma che non andiamo in giro nudi se non compriamo qualcosa che costa minimo due stipendi di un trentenne precario è verissimo. Ma non deve dirmelo Jean Paul Gaultier ci pensa già mia madre a ricordarmi che mi devo "coprire" e che va bene sia un cappottino di Zara (che pure quelli...200€!) sia una pelliccia di Gucci da mila mila euro. Il punto è: vince il fast fashion? Non c'è altra soluzione che diventare più esclusivi del ready-to-wear. Jean Paul Gaultier sarà esclusivamente couturier

22 febbraio 2015

TOM FORD, perchè sfilare a Los Angeles?



Semplice. Perchè la settimana della moda di Londra cade in concomitanza con il weekend degli Oscar e perchè dovrebbe sfilare in un posto dove, inevitabilmente, in quel weekend, non ci saranno i riflettori? Meglio Los Angeles. Un po' perchè da qualche anno a Tom Ford piace fare il bastian contrario, un po' perchè Hollywood è la casa del suo pubblico. Prima degli Oscar allora le star siedono alla corte della sua front row. Non mancano Beyoncé e Jay-Z, Rita Ora e altre pop star. Ci sono anche Reese Whiterspoon, Julienne Moore ed Amy Adams. Finalmente alla New York Fashion Week si è visto qualcosa di nuovo rispetto alle scorse stagioni, noiosette. Via libera all'odiato da Anna Wintour total black e via libera ai 70s e alle frange. Tom Ford riprende la tendenza country chic dei Seventies in una chiave luxury mixando, durante lo show jeans, pellicce, paillettes. Importantissimo, colonna portante, il patchwork. Di jeans e non. Vuole farlo tornare di moda. La gonna metà jeans e metà pelle leopardata te la vuoi perdere? Forse decisamente meglio la giacca (di jeans of course) con gli inserti in pelliccia blu. To-die-for.


28 gennaio 2015

Haute Couture SS 2015: Chanel, Giambattista Valli, Armani Privé, Bouchra Jarrar e Alexis Mabille


  
E' un giardino fiorito, una visione di bouquet dai mille colori. Ci sono voluti sei mesi per creare l'allestimento della sfilata, 300 fiori che hanno decorato il set della Couture primaverile. "Fiori a primavera? Avanguardia pura!" recita la famosa frase de Il Diavolo veste Prada, ma quando si parla di Chanel non c'è mai da rimanere delusi. Lagerfeld ricorda, "Conosco bene il mio lavoro!" chi può negarlo? Nella Couture c'è tutta la perfezione cauta di Chanel. N.B: il due pezzi ricorrente e la vita bassa. Non bassissima ma comunque non alta come quella a cui siamo abituati negli ultimi anni.

"Keep the best, forget the rest!" Karl Lagerfeled


Chanel

Un sogno fiorito in un giardino è anche quello della Couture di Giambattista Valli. Si ispira ad una conversazione impossibile, come lo erano le Impossible Conversations tra Schiap e Miuccia. La sua è tra Coco Chanel e Janis Joplin. Coco citata con le giacche nere e le influenze dell'abbigliamento maschile, Janis negli abiti da cocktail sopra ai pantaloni. Il risultato è una Couture romantica e super femminile. But although they seem like opposites, everything you never think could go together—actually, they do. Coco and Janis are both free spirits, with that nonchalant kind of attitude.” Giambattista Valli






Giambattista Valli
Festeggia dieci anni la, nata nel 2005, linea Privé di Armani. L'ispirazione è l'Oriente ma soprattutto il bambù, come spiega lo stesso Re Giorgio "Una pianta forte ma anche flessibile. Poi però, finito il vento, torna come prima". E' una metafora "Il bambù è come la donna di oggi!". La collezione è un susseguirsi di kimono rivisitati in chiave giacca o abito lungo. O almeno, personalmente ho visto kimono e geishe contemporanee ed elegantissime. Aspettiamo solo di vedere chi indosserà quale abito agli Oscar. 













Armani Privé


 Il tocco francese di Bouchra Jarrar ha compiuto 5 anni. Una donna un po' biker, ma soprattutto erotica. Zip diagonali su un tweed bianco e nero, giacche e abiti da biker, gambe messe in risalto. Haute Couture perfetta per il giorno e la sera e forse, con qualche abito lungo, la Jarrar apre anche ai Red Carpet di Hollywood.


 “Strength and femininity—that’s the woman of today,” Bouchra Jarrar

Bouchra Jarrar


E' un omaggio alla poesia di Albert Samain la Couture di Alexis Mabille, che quest'anno compie dieci anni. "Ci sono serate strane quando i fiori hanno un'anima..." recita la poesia del poeta simbolista francese. E' un giardino, ancora una volta, al centro di una sfilata di Couture, ma quello di Mabille splende di sera. Tra le stelle di paillettes, trasparenze seducenti, fiori e fiocchi oversize.







Alexis Mabille